Chi sono

Le mie foto
Mi chiamo Anna sono nata nel 1964, sono sposata dal 1986 e ho una figlia.Sono una casalinga e vivo in campagna e, lo ammetto, ho il vantaggio d'essere padrona del mio tempo, una delle cose più preziose della nostra epoca.

28 giugno 2012

Piantine e trucchetti !

Oggi ho ancora cactus da presentarvi, e speriamo di non annoiarvi perchè ne ho ancora molti in produzione.
Dopo aver cucito la piantina alla zolla s'imbottisce e s'incolla con la pistola a caldo al vasetto.
Per i puntini  , in questa, ho usato gli spilli con capocchia bianca.

Per quest'altra, invece, gli spilli  da sarta con due canottiglie per dare l'effetto delle spine.



Per quanto riguarda le spiegazioni, non ne seguo, incomincio sempre con un cerchio e seguo gli aumenti in modo da formare una palla o un cilindro.

26 giugno 2012

Vasi da fiori infrangibili !

Infrangibili perchè di plastica. Bottiglia di plastica dentro, buste di plastica lavorate all'uncinetto fuori.

Qui vedete il particolare delle foglie che invece sono "stirate", la coccinella è ritagliata da un'altra  busta e poi stirata sopra.
Poi ci sono questi decorati con fiori e farfalle sempre rigorosamente di buste.



21 giugno 2012

Piantine cactus amigurumi !

 Certo non sono una novità, ma io ho cominciato a fare gli amigurumi quattro anni fà, quando non era chiaro cosa fossero, non ho resistito a queste piantine sempreverdi .

Le foto sono belle?.. Non le ho fatte io, si capisce direte, maMichela, che purtroppo o per fortuna, è troppo impegnata in laboratorio per la sua tesi, e non ha tanto tempo.Le piantine sono vecchie e nuove, nel senso che qualcuna è realizzata l'anno scorso, ma la mia preferita è questa.
Certo in natura non esiste, ma i funghetti sono sempre deliziosi.

20 giugno 2012

Borsello per uomo riciclato ! ( mi piacciono tanto i giochi di parole)

 Si ricava da una gamba di un pantalone da lavoro da uomo. Ma appena ho tempo voglio provare a farlo con un jeans.




 La mia casa è fatta in tre gironi: al 1° c'è il paradiso, e si sta freschi , al 2° c'è il purgatorio e si sta benino, anche di notte, al 3°, in mansarda c'è l'inferno, e la mia stanza da lavoro con computer arroventato. Di conseguenza sarò sintentica oppure dovrò rubare il portatile di mio marito,il  borsello è una sua richiesta,  ma il modello è simile ad un altro che appartiene ad un suo collega e che è stato fatto da una signora di Napoli. Scrivo questo perchè l'idea non è mia e non mi pare bello non citare chi l'avuta, anche se non so chi sia, tuttavia se la signora dovesse leggere questo post potrebbe mettersi in contatto con me in modo da poter riportare il suo nome. Adesso vado o altrimenti farò compagnia a Topolino nel 5° canto dell'inferno.


Canto V: Topolino e Pippo scendono nel cerchio secondo, dove nel salone di bellezza di Minosse vengono puniti quelli che "in testa non avevano cervello ma solo brillantina sui capelli"


18 giugno 2012

Scialle ai f...ERRi e ERRI de luca !




Nel senso che ho terminato entrambi. A me piacciono gli elenchi, ne faccio per tutto e così questo blog l'ho pensato come un inventario (che deriva dal part. pass. del verbo latino inventare) da condividere, una lista di lavori fatti, libri letti ortaggi e fiori raccolti e seminati. Così ogni tanto me li rileggo e li ricordo. Pertanto anche il libro Non ora non qui-Il peso della farfalla di Erri De Luca finirà nella nota "etichette", che altro non è se non un elenco?  Per quanto riguarda il libro è pura poesia, ma sono in conflitto d'interessi, perchè De Luca mi piace troppo.


Leggete cosa scrive nella prefazione a proposito del luogo in campagna dove vive:- ...Qui posso misurare il tempo in foglie, in rami che si fanno spazio in aria. Da qui gli anni sono alberi che spingono dal basso verso l'alto. Da qui il tempo ha radici di mimosa, di mandorlo, di pioppo, noce, tiglio, leccio, rosmarino.-
Avevo proprio voglia di fare una scialle di quelli di una volta romantico e svolazzante con quel cotone setoso e lucido che mi era rimasto dopo aver completato il  cardigan, un punto traforato un pò di paillettes  e voilà


Forse anch'io questa volta sono stata poeticamente femminile.

14 giugno 2012

Fragole e vecchi merletti !


Ecco la prima raccolta di fragole, da noi arrivano sempre in ritardo viviamo ai confini con un bosco a 750 m. Queste sono una metà di quelle che abbiamo colto, l'altra era per mia suocera. Ho fatto delle coppette con panna per cena, del liquore (per adesso le fragole sono a macerare nell'alcool a 95°), e della marmellata.
Ma è sui copribarattoli che voglio richiamare la vostra attenzione.
Sono all'uncinetto, molti li ho regalati insieme alla confettura e quelli rimasti sono un pò sbiaditi, hanno più di vent'anni ! Li realizzai seguendo le spiegazioni di un Benissimo dell'aprile 1985, avrete capito che amo i miei giornali vintage e ne ho in abbondanza. Mi auguro che gradiate gli schemi e spero che ingranditi si leggano bene
 



















Infine ci sono questi, realizzati riciclando camicine, pigiamini e grembiulini, che hanno quelle fantasie minute e colorate.
Da questo costumino di Michela, anni fà, feci un copri tappo per il barattolo del miele, che ancora utilizziamo; il tessuto elasticizzato si adatta a tutti i tipi di coperchio.

12 giugno 2012

Posso offrirvi un caffè?

E' un lavoretto semplice semplice, veloce veloce, ma mi sono molto divertita a farlo. Tazzine di caffè piccolissime.
Il piattino è grande quanto 5 centesimi.
Si possono fare anche gli orecchini, io ho aggiunto un cerchietto di maglie basse marroni per imitare il caffè. Vi assicuro che sono troppo carini, ma ormai sapete che con la macchina sono una frana, non so mettere a fuoco e non ho capito niente.
Se le volete realizzare questa è la spiegazione, spero sia chiara,


Nel servizio del giornale le tazzine e i pasticcini era applicati a un copribarattolo


10 giugno 2012

Borsa di fettuccia crochet in attesa di Grisù !

Ieri sera hanno fatto un servizio tg2 su pompieri Avellino, e c'è anche mio marito, è nell'ultima inquadratura di coloro che stanno lavorando per mettere in sicurezza il campanile della chiesa di Rivara, realizzando un telaio di cemento. La squadra di "puntellatori" di Avellino ha recuperato, nella chiesa devastata, i paramenti sacri, il crocefisso, il tabernacolo, la Natività e l'organo, uno dei più preziosi della Bassa. Domani ritorna a casa.
Ho "uncinettato" questa borsa di fettuccia, ma non sono rimasta soddisfatta, per via dei manici, che mi

erano piaciuti molto,  ma sono alquanto scomodi. I fiori applicati sono realizzati con i quattro ferri ,in circolare, in cotone, sono convolvoli.

Lefebvre - Ninfa con corona di fiori-
Il convolvolo, che noi chiamiamo campanella, è un fiore infestante perchè si arrampica avviluppandosi a tronchi e pali, ma è tanto carino. I fratelli Grimm narrarono anche una leggenda su questo fiore:- Un carro che trasportava un pesante carico di vino si era impantanato; e il carrettiere, per quanti sforzi facesse, non riusciva a liberarlo. Proprio in quel momento passava la Madonna che, assetata, approfittò della sua sosta forzata per chiedergli un bicchiere di vino. "In cambio" gli  propose " ti libererò il carro". "Volentieri" rispose il carrettiere " ma non ho un bicchiere". Allora la Madonna colse un fiorellino bianco che somigliava a una tazzina, e glielo porse. Egli lo riempì di vino che la Madonna bevve, e subito dopo il carro fu libero dal fango. Da quel momento il fiorellino si è chiamato anche Tazzetta della Madonna.-


8 giugno 2012

Toppe e Vintage !

Guardate che idea carina è venuta in mente a Franca del blog lagiostradellavita per rammendare i jeans

Ho pensato di pubblicare delle pagine da un vecchio giornale che oggi mi sembrano più che attuali , sono una vera fonte di ispirazione.





Questo era un inserto allegato al settimanale Gioia alla fine degli anni  '70. V piace l'idea di riproporre articoli di vecchi giornali? Ne avete anche voi? Rakam, Mani di Fata ecc... Potremo inaugurare una "rubrica vintage".

7 giugno 2012

La leggenda !

Ieri sera mia figlia mi ha portato al cinema a vedere Marilyn, conoscendo la mia passione per la star che risale oramai alla notte dei tempi, potrei parlare di lei, raccontare dei suoi film ,che conosco a memoria, riassumere tutti i libri che ho letti ,tanti , mostrare foto e articoli di giornali raccolti, discutere le cause della sua misteriosa morte, in sintesi  potrei annoiarvi per ore e ore, ma non lo farò. Tuttavia  questo post lo dovevo scrivere, mi sono detta se non io chi? Il film non è un gran chè, ma la Williams è strepitosa




Elton John nel 1973 dedicò a Marilyn una canzone, che ebbe molto più successo nel riadattamento del 1997, che il cantante fece per Lady Diana, un palese caso di plagio di se stessi.

Titolo Canzone Tradotto: Candela Al Vento

Addio Norma Jean
anche se non ti ho mai nemmeno conosciuta
avevi il decoro di rimanere te stessa
mentre quelli intorno a te strisciavano
strisciavano fuori allo scoperto
per sussurrarti nel cervello
ti hanno sbattuta sulla ruota di un mulino
e ti hanno fatto cambiare nome

e a me sembra che tu abbia vissuto la tua vita
come una candela al vento
che non sapeva mai a chi aggrapparsi
quando cominciava a piovere
e avrei voluto conoscerti
ma ero solo un bambino
la tua candela si è spenta molto prima
di quanto non abbia mai fatto la tua leggenda

la solitudine era dura da sopportare
il ruolo più difficile che tu abbia mai recitato
Hollywood aveva creato una superstar
e il dolore è il prezzo che hai pagato
persino alla tua scomparsa
la stampa ancora ti tormentava
tutti i giornali hanno dovuto scrivere
era Marilyn quella trovata nuda

addio Norma Jean
dal ragazzo della ventiduesima
che vede in te qualcosa in più della sensualità
più della nostra Marilyn Monroe

Stamattina mi sono cucita al volo una borsa per la spesa con una stoffa che avevo comprato anni fa, non è niente di particolare, ma la stampa meritava.